mercoledì 30 novembre 2016

GFOREX: CONDANNATI ANCHE RIAZ E DI FONZO, CINQUE MILIONI DI EURO DI PROVVISIONALE PER IL FALLIMENTO RICONOSCIUTI I DANNI MORALI PER I RISPARMIATORI


La Terza Sezione Penale del Tribunale di Milano, al termine di una Camera di consiglio protrattasi per diverse ore, nel pomeriggio di ieri ha posto termine al dibattimento che vedeva imputati di bancarotta Riaz e Di Fonzo per il crac della GFOREX che ha volatilizzato circa venticinque milioni di euro appartenenti a 400 risparmiatori italiani.
Il Collegio ha condannato Riaz a sei anni e sei mesi di reclusione e Di Fonzo a cinque anni di reclusione. Oltre la comminazione delle pene accessorie che conseguono alla condanna. Il Tribunale ha anche liquidato, oltre le spese, anche una provvisionale di cinque milioni di euro a favore del Fallimento che potrà essere immediatamente eseguita dagli Organi Fallimentari. Ai risparmiatori costituiti parte civile, oltre alla refusione delle spese ed a una minima provvisionale, è stato riconosciuto il diritto al risarcimento dei danni morali da liquidarsi in separata sede.
La pronuncia ha previsto anche la trasmissione degli atti al Ministero dell'Economia per l'accertamento di ulteriori violazioni finanziarie in relazione al Testo Unico Bancario e la declaratoria di proscioglimento per uno dei capi di accusa che riguardava l'originaria imputazione finanziaria, visto che la GFOREX aveva confuso il proprio patrimonio con quello dei risparmiatori.
Adesso, dopo l'accertamento delle responsabilità di Spinardi, Di Fonzo e Riaz, la parola passa ai giudici civili ed alla Curatela del Fallimento che, nelle more, come auspicato dai risparmiatori, ha agito civilmente contro i sindaci della società GFOREX per le violazioni commesse nell'omessa adeguata vigilanza sul crac della società.
Nel frattempo il fronte dei risparmiatori, avvalendosi del patrimonio di conoscenze e di accertamento delle responsabilità che si è acquisito grazie al processo penale, si è organizzato con la promozione di azioni civilistiche di responsabilità nei confronti di vari enti e istituti di credito.
Per una volta tanto, nella vicenda GFOREX è prevalsa nei risparmiatori la volontà di agire e fino in fondo sullo sconforto rispetto alla truffa subita per l'accertamento delle responsabilità e di perseguire il giusto risarcimento.
Proseguiremo ad attenzionare la vicenda per seguirne gli sviluppi civilistici e dal punto di vista fallimentare.

By Michele Barbera

1 commento:

  1. Avv. Barbera, grazie delle utile informazioni. Le chiedo gentilmente se vi è qualche documento accertante l'attuale capacità finanziaria di riaz. Temo che, viste le abilitità truffaldine di tale soggetto, si sia già spossessato da tempo dei propri beni/conti correnti capienti. Cosa ne pensa?

    RispondiElimina