venerdì 5 ottobre 2012

IL PATTO “SEGRETO” TRA LA GFOREX DI FONZO E LA GTL DI RIAZ: DOCUMENTATO UN "PRESTITO" DA VENTI MILIONI DI DOLLARI




L’affaire “GFOREX”, dopo l’arresto di qualche giorno fa dell’amministratore Di Fonzo, si arricchisce di un nuovo capitolo. Abbiamo atteso da mesi che qualcosa di smuovesse e finalmente pare che per la tutela dei 400 risparmiatori si sia giunti ad una svolta decisiva.
Ma la vicenda è ben lungi dall’essere conclusa.
Da ulteriori sviluppi dell’indagine l’interconnessione tra Di Fonzo e le Società del gruppo di Riaz risultano ancora più strette di quanto a  prima vista sembrava.
Un ulteriore anello di congiunzione tra il pachistano RIAZ e la GFOREX è costituito da una scrittura privata di “prestito” (settlement & loan agreement) , redatta – a quanto sembra – nel maggio del 2010 tra la GFOREX e la GLOBAL TRADEWAVES LTD, l’ennesima società di Riaz con sede nelle Isole Vergini Britanniche e sottoscritta pure da GLOBAL TRADEWAVES con sede in Svizzera e da GLOBAL TRADING DMCC, con sede negli Emirati Arabi Uniti. Inutile dire che tutte le Società sono evidentemente riconducibili a Riaz.
Per quanto è dato sapere, nella scrittura la GLOBAL TRADEWAVES (Riaz) “a seguito di certe operazioni”, non meglio specificate,  si dichiara debitrice della GFOREX del notevole importo di venti milioni di dollari.
Questa sarebbe la prova provata che Riaz (tramite la GTL) si è infine appropriato di queste somme ed ha riconosciuto il debito nei confronti della GFOREX s.p.a..
La cosa assai strana (per la verità di “stranezze” ve ne sono fin troppe in questa vicenda) è che la GFOREX s.p.a. non poteva certo “prestare” i soldi dei risparmiatori a chicchessia.
Ancora più strano è che questo “prestito” viene in pratica fatto sulla parola, senza – cioè – che Riaz o le sue società offrano la benché minima garanzia reale o fideiussoria circa la restituzione del prestito. E stiamo parlando di venti milioni di dollari!
Anzi, viene riconosciuto loro espressamente da GFOREX il diritto di continuare l’attività in modo da ripagare il prestito.
Né appare chiaro il riferimento ad altri “creditori” delle società di Riaz che avrebbero dovuto partecipare alla ripartizione degli utili di Riaz e delle sue società.
In ultima analisi, è evidente che fin dal 2010 la GFOREX è rimasta “incagliata” con le società di Riaz perdendo dallo stesso anno la somma riconosciuta e documentata di venti milioni di dollari.
Due altre clausole vale la pena evidenziare che risulterebbero fare parte del contratto: l’una di assoluta riservatezza sui contenuti del contratto, l’altra è che Riaz a seguito della sottoscrizione del prestito si sarebbe dimesso dal consiglio di amministrazione di GFOREX, obbligandosi a trasferire le sue azioni ad una terza persona designata da Di Fonzo.
Certo non deve aver fatto molti sforzi Riaz, dopo essersi impossessato di venti milioni di dollari, a dimettersi dal board di GFOREX ed a cedere le sue azioni ad un terzo soggetto!
Meno male, comunque, che il contratto è sottoposto alla giurisdizione italiana. Il che spiegherebbe i tentativi di Riaz (o meglio della GTL) tramite un avvocato di Roma di contattare la Curatela del Fallimento per proporre una transazione.
Secondo chi scrive, se il contratto di prestito è effettivamente conforme a quello che risulta nel suo testo, la Curatela ha ampie possibilità di realizzare il credito puntando ad un’azione di recupero anche internazionale che colpisca le società di Riaz e lui medesimo, atteso che essere destinatari di un provvedimento cautelare restrittivo, automaticamente fa cadere lo schermo legale delle società a responsabilità limitata. Fermo restando che dovrebbe farsi luce a pieno sulla condotta di Riaz in merito ai venti milioni di dollari documentati.
Una nota a margine. Nei quotidiani dove è stata diffusa la notizia dell’arresto di Riaz è stata paventata a mò di gossip un’ipotesi investigativa che mirerebbe ad accertare la giustificatezza degli investimenti e la legittimità dei risparmi.
E’ senz’altro lecito che la Procura di Milano o la Guardia di Finanza investighino su tutte le ipotesi di reato possibili ed immaginabili. Ma è anche vero che non si può confondere il risparmiatore che confidando nella proposta di investimento fatta da un promotore finanziario con tanto di carte e documenti, gli affida il denaro con chi, come gli amministratori di GFOREX o il Riaz hanno utilizzato detto denaro in modo anomalo, appropriandosene e spogliandone i titolari.
Del resto, da quel che sembra agli atti, è stato agevole ricostruire i passaggi, tramite i versamenti ed i bonifici che dal singolo risparmiatore conducono a GFOREX e che si sono conclusi – in atto – con l’ammissione allo stato passivo dei singoli risparmiatori.  
Quello che è stato arduo, defatigante e, talvolta adombrato di mistero, è stato ed è sapere che fine ha fatto realmente il denaro affidato alla GFOREX, anche se gli sforzi investigativi della Procura di Milano ogni giorno sembrano svelare sempre più quello che, anziché un sapiente gioco di alchimia finanziaria, risulta essere un maldestro marchingegno per appropriarsi dei soldi altrui, carpendo la buona fede di tante famiglie.
Come sempre ho voluto utilizzare il mio blog, nato per tutt’altri fini, per dare il giusto rilievo mediatico e di trasparente informazione a questi eventi che hanno colpito anche persone a me vicine.
Invito tutti i lettori a rappresentare la propria disavventura in modo pubblico, reclamando di fronte alla Procura della Repubblica la giusta sollecitudine nelle indagini al fine di recuperare quanto più presto possibile il denaro dei risparmiatori GFOREX  e facendo valere i propri diritti di persone offese davanti le Autorità. 

9 commenti:

  1. Ancora penso a come Di Fonzo si giustificava nella sua intervista a "EconomiaWeb"... E, nel frattempo, Riaz era sparito con venti milioni di dollari con il suo benestare!!!!!
    Sono incazzatissimo!!!!!

    RispondiElimina
  2. In GALERA, in GALERA, debbono soffrire!
    Laura

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. segnalo che sul forum forexpeacearmy c'è anche il file del contratto originale.leggetelo,è molto istruttivo........
    http://www.forexpeacearmy.com/forex-forum/scam-alerts-folder/17984-gtl-trading-dmcc-11.html#post102400

    RispondiElimina
  5. e adesso cosa si deve aspettare per riavere i nostri soldi

    RispondiElimina
  6. Ma questo "patto" è stato fatto vedere a quelli di Dubai, oppure là era tutta una sceneggiata?
    E l'avvocato di Riaz in Italia che dice?
    Domande che sorgono spontanee.
    Io credo comunque che bisogna ancora faticare per vedere spuntare i soldi.
    Vorrei che l'avvocato Barbera fosse più esplicito in questo senso, anche se lo ringrazio per l'attenzione che ci ha dedicato a noi truffati.
    Giorgio

    RispondiElimina
  7. Certo che il contratto è stato depositato a Dubai.Ma non da di fonzo,bensì da riaz.Il che gli ha permesso di far chiudere il caso,in quanto ha dimostrato che non si è indebitamente appropriato dei soldi ma li ha avuti in..."prestito".
    Adesso i casi sono due:1)di fonzo in accordo con riaz ha siglato il contratto per parare il culo puzzolente di quest'ultimo a dubai e la denuncia negli emirati è tutta una pantomina per precostituirsi un alibi,depistare le indagini e guadagnare tempo,ben sapendo che,non avendo prodotto prove evidenti a dubai,il caso sarebbe stato presto archiviato.
    2)dopo aver ordito insieme la truffa,riaz ha fregato tutti e di fonzo è stato costretto a firmare un contratto così vessatorio per tentare di recuperare qualcosa.però,sembra strano che di fonzo,spinardi e soci abbiano permesso a riaz di cuccarsi tutto il malloppo.Qualcosa,avranno pur intascato e nascosto da qualche parte.
    Del resto l'accordo parla di 20 milioni,ma dove sono finiti gli altri milioni?Su forexpeacearmy,hanno sollevato questa domanda.

    RispondiElimina
  8. Terminare le vostre preoccupazioni finanziarie
    Ho trovato il sorriso attraverso questa signora Sandrine Dupe che ho ricevuto un prestito di 76000 euro e due dei miei colleghi hanno ricevuto prestiti a questa signora senza difficoltà. Vi consiglio di più sbagliato persona se si vuole effettivamente fare un prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altra applicazione. Pubblicare questo messaggio perché Madame Sandrine ingannare me bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato questa donna onesta e generosa che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Per regolarizzare la tua vita, hai bisogno di soldi, si sono registrati, non hanno accesso alla banca di credito, o non avere il favore di una banca, avete bisogno di finanziamenti per la tua costruzione, progetto immobiliare, creazione del proprio business, aumentare la vostra attività personale, si ha una base di raggiungere e la necessità per i fondi, un cattivo credito file o bisogno di soldi per pagare le bollette, o i debiti. Quindi vi consiglio di contattare e soddisferà tutti i servizi che gli chiedete. Ecco l’indirizzo: sandrine.dupe@europe.com
    Contatto, per saperne di più, essere chiari e onesti.

    RispondiElimina
  9. Terminare le vostre preoccupazioni finanziarie
    Ho trovato il sorriso attraverso questa signora Sandrine Dupe che ho ricevuto un prestito di 76000 euro e due dei miei colleghi hanno ricevuto prestiti a questa signora senza difficoltà. Vi consiglio di più sbagliato persona se si vuole effettivamente fare un prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altra applicazione. Pubblicare questo messaggio perché Madame Sandrine ingannare me bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato questa donna onesta e generosa che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Per regolarizzare la tua vita, hai bisogno di soldi, si sono registrati, non hanno accesso alla banca di credito, o non avere il favore di una banca, avete bisogno di finanziamenti per la tua costruzione, progetto immobiliare, creazione del proprio business, aumentare la vostra attività personale, si ha una base di raggiungere e la necessità per i fondi, un cattivo credito file o bisogno di soldi per pagare le bollette, o i debiti. Quindi vi consiglio di contattare e soddisferà tutti i servizi che gli chiedete. Ecco l’indirizzo: sandrine.dupe@europe.com
    Contatto, per saperne di più, essere chiari e onesti.

    RispondiElimina